Federica Panicucci

Federica PanicucciUna madrina d’eccezione a Brescia, per l’apertura di una nuova sede della Sisal Wincity, una sorta di casa da gioco, le cosiddette sale di gaming, dove ci si ritrova per trascorrere una serata in compagnia e non solo per tentare la fortuna, la bellissima Federica Panicucci.

Lei, la regina incontrastata della domenica pomeriggio e del talk-show mattutino di Canale 5, è arrivata fasciata in un tubino nero, con scarpe elegantissime lasciando tutti piacevolmente sorpresi ha iniziato a giocare alle slot-machine. “Sono qui in una sala da gioco è voglio imparare queste macchinette!!!” – ha detto curiosa la conduttrice di Mediaset.

Federica ormai personaggio di punta del palinsesto di Canale 5, con grinta e determinazione ha saputo entrare nelle case dei telespettatori con classe, garbo e tanta umanità, senza però cadere in facili piagnistei. Chioma bionda, fluente, fisico sempre in gran forma, sprizza classe e simpatia contagiosa, Federica ha un modo tutto suo di condurre. È diventata la sorella che tutti vorrebbero avere, diretta, concreta e sempre pronta a dare un consiglio sincero e forse proprio questo suo atteggiamento di voler puntualizzare bene ogni cosa, ogni argomento, invitando gli ospiti in studio a mantenere una sorta di calma apparente ha spinto la conduttrice toscana tra i primi posti nella graduatoria di gradimento tra il pubblico.

La Panicucci a Brescia non vuole parlare della sua vita privata e poi si sa già tutto, sposata con il dj Mario Fargetta, mamma di due splendidi bambini, un maschio ed una femmina, Federica ha messo su la classica famiglia modello e pensando alla fortuna che assiste ognuno di noi, ci dice: “Beh, si certo che sono fortunata, ho una bella famiglia e un lavoro che mi piace tantissimo.

Quindi il detto fortunata in amore e sfortunata al gioco per lei vale?

Non saprei proprio cosa rispondere io non gioco mai.

Non è mai stata in un casinò, nemmeno a Las Vegas?

Sì, a Las Vegas, sì, ci andai anni fa con Mario (suo marito Fargetta) quando ancora i bimbi non erano nati e gli spostamenti erano più facili.

Allora lei non è una giocatrice?

Non sono mai stata in un casinò e pensi che d’estate in spiaggia non gioco nemmeno a carte!

Insomma la bella Federica non è una giocatrice, il rosso, il nero, il pari o il dispari, non fanno per lei anche perché ci sottolinea l’importanza di un gioco “sano”, ossia sì al divertimento casuale ma non quando giocare diventa un vizio.

Grazia Pitorri – pubblicato su Di Tutto di ottobre