Gossip Chic

Information

This article was written on 30 Ago 2012, and is filled under Personaggi.

Current post is tagged

, , , , ,

Enrico Ruggeri cantante e scrittore incanta Laigueglia

Enrico RuggeriSta benissimo e gode di una salute di ferro il simpatico cantante Enrico Ruggeri. Lui ci scherza su, sulla notizia falsa rimbalzata giorni orsono su internet di una sua precoce dipartita. «Una grossa falla mediatica» taglia corto il cantautore milanese. In Liguria a Laigueglia, in un antico borgo di pescatori, per presentare il suo nuovo libro dal titolo emblematico “Che giorno sarà”, l’artista fa un bilancio della sua vita, tratteggiata da tanti successi personali che lo proiettano nel mondo della televisione come conduttore di programmi di successo come Mistero su Italia Uno o quale giudice del talent show X-Factor, come cantante e autore indiscusso di tanti capolavori e anche come scrittore.

Poliedrico, un personaggio deciso senza se e senza ma, Enrico Ruggeri ci confessa con entusiasmo che il suo traguardo più bello e importante è proprio la sua famiglia. Da anni vive una bellissima ed intensa storia d’amore con Roberta Mogliotti, nome d’arte Andrea Miro anche lei apprezzata cantante dalla quale ha avuto due figli, Ugo di sei anni e la piccola Eva di soli due anni. Ruggeri ha anche un figlio ventiduenne, Pier Enrico detto Pico, avuto dalla prima moglie, al quale è doppiamente legato dalla comune passione per la musica.

In piazzetta a Laigueglia, i turisti lo fermano e gli domandano quando ripartirà “Mistero”, il programma cult sul paranormale e lui glissa, poi dice sarcastico: «La potenza della tv è la gente che ti chiede per strada degli alieni, e magari non si ricorda più di canzoni come “Il portiere d’inverno”, e quindi meglio tornare a fare musica e non solo». Il suo manoscritto, che Enrico definisce non autobiografico, è un altro successo della sua brillante carriera.

La storia di “Che giorno sarà”, il tuo romanzo, non ti tocca da vicino, non è autobiografica, perché l’hai scritta quindi?

Era una storia che mi girava per la testa da tempo, il protagonista è un cantante che pur di avere successo scende i gradini della dignità, un personaggio intenso. Mi sono detto: “è facile essere brillanti quando tutto ti gira bene”.

Una storia di vita completamente diversa dalla tua ,tu hai avuto successo in tutti i campi in cui ti sei cimentato dal cantautore prima, allo scrittore poi al conduttore ,ma quale ruolo senti più tuo?

Ormai faccio solo più quello che mi piace. La musica mi stava un po’ stretta ed ho deciso di scrivere un libro oggi vedo che siamo in tanti ad avere diversi ruoli è tutto un po’ cambiato.

E difficile fare il cantautore oggi?

Un tempo chi iniziava come me leggeva moltissimo, perché il cantautore si distingueva perché leggeva tanto oggi tra i giovani c’è molta superficialità. Se parli della Siria pensano alla cantante e manco sanno della guerra in atto. Pero oggi tutto è più frenetico se il tuo singolo non va bene al primo ti consigliano di smettere ai miei tempi al terzo vinile che non vendeva iniziavi a pensare che fare musica non faceva per te!

Che rapporto hai con i tuoi tre figli, sei padre di un ragazzo già adulto e due piccolini, come ti rapporti con loro?

Direi che ho un legame speciale con tutti a Pico il mio primogenito mi lega tantissimo la comune passione per la musica. Sin da quando era piccolo abbiamo avuto gli stessi gusti musicali lui ora ha inciso il suo primo cd intitolato “La danza della realtà”, sul genere rap, ha 22 anni e abbiamo un rapporto forte. Con tutti i miei figli anche la piccola Eva ci unisce la musica.

Da anni hai un rapporto molto solido con la tua compagna Roberta, quale è il vostro segreto?

Vederci non spessissimo, fare lo stesso lavoro (lei è la cantante Andrea Miro) e di conseguenza capire ognuno le problematiche dell’altro e poi devo ammettere che lei Roberta è una donna estremamente intelligente.

In questa estate costellata di colpi di scena è venuta fuori la bufala di una tua morte improvvisa come l’hai presa?

Beh, fa davvero uno strano effetto, sentire il tuo nome accostato alla parola morte (e sgrana gli occhi) si è trattato una falla mediatica ogni tanto queste cose succedono.

I commenti sono chiusi.